midj

WE INSIST

Avrete saputo che il nostro bel progetto We insist, proposto per il bando Franceschini non è passato. Siamo rimasti molto delusi dall’esito e chiederemo il perché di questa risposta negativa, non capendone le ragioni.

Non demordiamo e la risposta migliore a questa situazione ci sembra quella di realizzare il progetto comunque!!
WE INSIST era nato per promuovere gruppi di giovani che dopo accurata selezione avrebbero circuitato nei festival italiani e in alcuni festival stranieri. Il finanziamento sarebbe servito a pagare i cachet dei musicisti, come avviene in molti paesi europei come forma di investimento sulla cultura.
La commissione pensata era composta da illustri musicisti ed esperti del settore, persone stimate in tutto l’ambiente per le loro competenze. L’obiettivo era premiare la qualità e dimostrare che la qualità attrae pubblico ed è sempre il miglior investimento per chi organizza musica dal vivo. Le varianti nella musica dal vivo sono infinite, ma è un principio largamente condiviso che ci sia la necessità di dare più spazio a tanti musicisti meno noti.

Non abbiamo ricevuto il finanziamento per questo progetto, ma la nostra decisione è quella di realizzare una “puntata zero” con l’adesione e il supporto di I-Jazz, l’Associazione nazionale che raccoglie molti festival jazz italiani. L’associazione Midj si pone nel ruolo di intermediario tra i musicisti emergenti e i festival, perchè pensiamo che una migliore comunicazione sia una grande risorsa per la crescita degli uni e degli altri, ritenendo che questo progetto abbia la forza di costruire una sinergia tra musicisti e festival.
Nel bando si consigliava di focalizzare l’attenzione sui giovani, sul concetto di rete e sul rapporto con l’estero. Ora i tempi sono stretti e sicuramente ci concentreremo sui primi due punti che sono i più praticabili. Si vorrà quindi selezionare e valorizzare alcuni dei progetti emergenti più interessanti attivi in Italia considerando innanzitutto la qualità e l’originalità musicale. Il progetto garantirà il più possibile il principio di rotazione e speriamo possa essere replicato nei prossimi anni, in maniera più ampia, con i tempi giusti e con le adeguate risorse. Come sapete l’esito del bando è stato comunicato una settimana fa e purtroppo dobbiamo agire con tempi strettissimi, ma fondamentale è ribadire l’importanza del progetto e approfittare della visibilità e dell’opportunità dei cartelloni estivi, anche se sarà probabile che qualche concerto si svolgerà nella stagione invernale.

Struttura del progetto:

a) Midj e I-Jazz nomineranno una commissione di tre/ quattro elementi. Sicuramente ci sarà Franco D’Andrea, un altro musicista che indicherà il consiglio direttivo di Midj, un componente o due di I-jazz di cui aspettiamo i nomi.
b) Si chiede ai musicisti di inviare entro il 15 maggio una registrazione di una lunghezza massima di 15 minuti, per un massimo di tre brani.
c) Il progetto è rivolto a tutti i musicisti di jazz, non solo agli associati Midj. Possono partecipare anche musicisti stranieri che però vivono in Italia.
d) Il progetto è rivolto ai giovani; per evitare fraintendimenti sul concetto di “giovane”, abbiamo stabilito un tetto massimo di 35 anni per OGNI componente del gruppo. Quindi se c’è un musicista over 35 non sarà accettato l’intero gruppo.
I requisiti saranno verificati una volta selezionati i gruppi pena l’esclusione
e)I gruppi non hanno limiti di organico
f) I gruppi spediranno il materiale in forma anonima. La commissione valuterà il materiale inviato senza sapere i nomi dei musicisti (IMPORTANTE: vedi la nota tecnica in fondo)
La qualità della registrazione non sarà un parametro valutato dalla commissione, va benissimo anche una demo registrata con uno Zoom, basta che si senta bene!
Il giudizio della Giuria è insindacabile
c) Entro il 25 maggio verranno comunicati i 3 gruppi selezionati.
d) I festival che hanno aderito al progetto ospiteranno uno o più gruppi del progetto We Insist. A breve vi daremo l’elenco preciso.

Stiamo valutando la possibilità di organizzare un concerto i primi di giugno alla Casa del jazz ospitando i 3 gruppi selezionati.

Abbiamo pochissimo tempo!!
La versione originale di “We Insist” proposta al bando del ministero garantiva un cachet stabilito uguale per tutti e in tutti i festival. Questa opzione è decaduta con il mancato finanziamento, per cui si dovranno vedere volta per volta con i singoli festival quali sono le condizioni economiche, ma sarà garantita la copertura delle spese di viaggio e di ospitalità.
Si è aperta comunque la possibilità che uno sponsor finanzi il progetto. Vi terremo aggiornati!

NOTA TECNICA:
Per realizzare l’anonimato, vi chiediamo di creare una casella di posta elettronica Gmail nel cui indirizzo non siano presenti riferimenti al vostro nome, cognome o nome d’arte. Ad esempiopincopallino@gmail
Una volta creata la casella di posta di elettronica, cliccate sull’icona “Impostazioni” in alto a destra e dal menù a tendina selezionate “Impostazioni”. Su questa pagina cliccate su “Account e importazione”. Alla voce “Invia messaggio come”, cliccate su “modifica informazioni”. Qui scrivete nell’apposito spazio un nickname che non deve avere riferimenti al vostro nome reale (ad es. 76sdgo04). Adesso le mail che manderete da questa casella arriveranno al destinatario con il nome 76sdgo04. Verrete ricontattati sulla vostra casella gmail appositamente creata per le risposte della giuria. Chi manderà la mail con il nome visibile verrà escluso automaticamente dalla selezione.

Inviate i files a midj.weinsist@gmail.com. Gmail può far caricare fino a 25Mb che sono sufficienti per 15 minuti di musica in mp3. In caso non fossero sufficienti, si possono inviare 2 email.
Contestualmente all’invio del materiale audio si dovrà inviare la scheda tecnica del gruppo (strumentazione, esigenze sul palco, monitor, microfoni, DI etc…) in modo da velocizzare i tempi una volta selezionati i gruppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *