tuneslg.jpg NET

SOCI ONORARI!

I magnifici quattro Midjani!!
Grazie a Franco Cerri, Dino Piana, Enrico Intra e Marcello Rosa che hanno accettato con piacere l’invito a essere nostri Soci Onorari!

 

13516449_1027140057378926_4685500729318818494_n13495220_1027140097378922_912941050784514182_n

13502027_1027140150712250_3994075064932125335_n13442202_1027140204045578_6812019383697918001_n

Il jazz italiano sta attraversando un nuovo momento fertile.

Non solo è vivo e in dinamico divenire ma, forse per la prima volta nella nostra storia, si sta dotando di gambe forti per camminare da solo e per porre istanze che necessitano risposte certe su molte delle questioni che ci stanno a cuore.

Risposte sul lavoro e sui diritti, sul disegno di un nuovo sistema culturale che sia contemporaneo e articolato e sul senso sociale del jazz in seno alla comunità più vasta presente in tutto il nostro amato Paese che, nonostante tutto e nonostante la crisi che ci attanaglia, ama la nostra musica.

Per questo nel marzo del 2014 è nata l’Associazione MIDJ. Con l’intento di sollecitare una nuova coscienza di artista contribuendo a fortificare quella “casa” dei musicisti che è abitata dalla nostra creatività, ma anche dal nostro impegno quotidiano sui palchi e negli studi di registrazione, nelle scuole, nei Conservatori oltre che nei luoghi del quotidiano e del sociale legati al bisogno e alla solidarietà.

Molto è stato fatto in soli due anni e molto c’è ancora da fare.

Si è aperto un canale diretto con il Ministero della Cultura, grazie all’impegno del Ministro Dario Franceschini, si è organizzata con un inatteso successo la grande giornata del “Jazz italiano per l’Aquila” che ripeteremo il 4 settembre, si è coordinata la Giornata Internazionale del Jazz promossa dall’Unesco, sono state date diverse borse di studio a giovani musici italiani per andare a studiare e perfezionarsi all’estero, si è presenti ai tavoli interministeriali, dove si discute di lavoro, di previdenza, di Siae, di diritto d’improvvisazione, di diritto connesso, ma soprattutto si dialoga quotidianamente con la maggiore parte dei musicisti italiani grazie ai nostri soci che sono oggi 400.

L’intento è dunque quello di creare una grande famiglia che sia capace di individuare un nuovo percorso per la nostra musica e che sia capace di dettare regole etiche incentivando, grazie anche alla collaborazione con l’I-Jazz (Associazione dei Festival Italiani), la presenza dei nostri artisti (con particolare attenzione all’universo femminile e ai giovani) e l’esportazione del nostro jazz all’estero.

Se ciò sta avvenendo è in buona parte grazie al tuo lavoro e al tuo impegno, per avere contribuito alla costruzione della storia del jazz italiano e gettato le basi per il presente grazie alla tua capacità di essere, nel tempo, buon seminatore e buon mietitore oltre che buon esempio per tutti noi e soprattutto per le nuove generazioni.

Di questo ti ringraziamo e per questo ti chiediamo di concederci il privilegio di essere nostro Socio Onorario.

Sarebbe per tutti noi un grande arricchimento e una spinta a fare ancora meglio.

Con cordialità e stima.

Direttivo MIDJ Associazione Musicisti Italiani di Jazz

Ada Montellanico Presidente, Simone Graziano Vicepresidente,

Maria Pia DeVito, Paolo Fresu, Pasquale Innarella ,Rita Marcotulli, Vincenzo Martorella, Alfonso Santimone, Paolo Tombolesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *